Un canestro di Davide Longoni a 1" dalla fine ci porta avanti nella serie di semifinale e mercoledì sera avremo la prima possibilità per accedere alla finale, finale per cui è già qualificata la Fortitudo Alessandria. Dopo un primo tempo in cui era sembrato che la nostra maggior possibilità di rotazione degli uomini potesse fare la differenza, con i contributi importanti di punti ed energia di Longoni e Sartore su tutti, alla ripresa del gioco Serravalle invece piazzava un terzo quarto offensivamente devastante, mettendo a segno 26 punti, dopo i 28 totali dei primi 20 minuti. Anche la difesa ospite alzava il livello e così a 10 minuti dalla fine ci troviamo sotto di 5 punti, con la sensazione che Serravalle abbia trovato la via giusta per riprendersi il vantaggio del campo. E infatti il vantaggio aumenta, Mozzi domina in area, Parodi segna con continuità da fuori e in entrata e il vantaggio tocca la doppia cifra intorno alla metà del quarto. Poi arriva un cambio di difesa da parte di coach Maccanti, Serravalle forse crede di aver già vinto, Corrado torna a segnare da tre e con i liberi, Zagaria mette una tripla, il pubblico riprende a spingere la squadra e una partita che sembrava persa torna ad essere aperta. Una tripla di Becerra mentre suona la sirena dei 24 ci spinge a meno 5 mentre si entra nell'ultimo minuto di gara, ma ci pensa sempre Corrado a tenere viva la speranza con la quarta tripla della serata. Gli ospiti perdono palla ed è Vitto Ferraresi a realizzare in contropiede il canestro del pareggio, quando mancano poco più di 30". Quello che poi si rivelerà il penultimo attacco di Serravalle finisce con un tiro sbagliato di Marotto, Campigotto recupera il rimbalzo, apre a Corrado e inizia l'ultimo nostro possesso. La differenza tra cronometro della partita e quello dei 24" è di circa 1 secondo. La palla rimane nelle mani del nostro 11, mentre i compagni aspettano schierati fuori dai tre punti. A 4" parte la penetrazione, il pallone rischia di essere perso, ma riesce comunque ad arrivare nelle mani di Longoni. Parte il tiro, suona la sirena dei 24", la palla entra e suona la sirena di fine gara. Il Poli esplode e la partita sembra finita, ma dopo un consulto con gli ufficiali di campo, gli arbitri fanno riportare il cronometro con un secondo da giocare. Intanto coach Gatti ha chiesto un time out e così la rimessa avviene nella nostra metà campo difensiva. La palla va in campo, il tiro parte, ma la palla finisce lontano dall'anello e stavolta si può davvero festeggiare.

Mercoledì sera gara 4 alle 21, stesso posto, stessi colori da indossare.

USAC: Longoni 11, Corrado 20, Oberto 4, Campigotto 4, Astegiano 2, Cavaletto ne, Zagaria 10, Cambursano 6, Ferraresi 14, Sartore 2, Boetto ne. Allenatore: Maccanti. Assistente: Filippa.

SERRAVALLE: Chiappino 8, Parodi 21, Sala 0, Camera 0, Bonadeo 9, Scotto 0, Becerra 10, Marotto 4, Balardi 0, Mozzi 19. Allenatore: Gatti. 

ARBITRI – Prinetti di Torino e Valetti di Bruino (TO).

Parziali: 1q14-20, 2q 33-28 ( 19-8), 3q 49-54.(16-26), 4q 73-71 (24-17).